Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Cultura e Turismo Calendario eventi 2018 La Terra è

La Terra è

Ricchezza e complessità dell'architettura in terra cruda in Italia e in Europa
Quando
15/03/2018 dalle 15:00 alle 18:00
Dove
Macerata / Montegranaro / Treia / Mogliano
Nome del contatto
Telefono del contatto
0733/470761
Partecipanti
Eco Museo Villa Ficana / Associazione internazionale città della Terra Cruda / Associazioni: GruCA onlus, OZ / Comune di: Montegranaro, Mogliano, Treia
Web
Visita il sito web esterno
Aggiungi un evento al calendario
iCal

la terra è  

 

Giovedì 25 gennaio 2018

ore 15.00 / 18.00

Macerata Biblioteca Mozzi-Borgetti Sala Castiglioni

LA TERRA È (UN) PATRIMONIO  

Giovanni Carlo Fiappo - Ispettore Onorario Soprintendenza Archeologica Friuli Venezia Giulia

“Architetture di terra in Friuli tipologie, tecnologie, materiali: 20 anni di ricerche

Rosario Chimirri - Architetto, Università della Calabria

Paesi di Calabria. Insediamenti e culture dell’abitare” 

 

 

Giovedì 22 febbraio 2018

ore 15.00  / 18.00

Montegranaro (Fm) Officina della Arti

Gianfranco Conti - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Terra cruda  - Insediamenti in provincia di Chieti

Pierluigi Salvati - Architetto, MIBACT

“Architetture di terra nelle Marche

Maria Chiara Esposito - Giornalista

“Questa è la mia terra-immagini e racconti delle case di terra in Italia”

  

  

Giovedì 15 marzo 2018  

ore 15.00 / 18.00

Treia Sala Multimediale Museo Archeologico 

LA TERRA È TECNOLOGIA  

Gaia Bollini - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Terra battuta: tecnica costruttiva e recupero. Linee guida per le procedure d'intervento”

Maddalena Achenza - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Il manuale tematico della terra cruda”

Anna Paola Conti - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Il recupero di una casa in terra. L'atterrato di Contrada Fontevannazza a Treia. I saperi ritrovati”

 

 

Giovedì 12 aprile 2018 

ore 15.00 / 18.00

Mogliano Sala Congressi Museo TerreArtigiane  

IL RESTAURO

Gianfranco Conti - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

Il racconto del restauro di Borgocapo e di Casa di Teresa a Casalincontrada in Abruzzo”

Stefania Giardinelli 

Ignazio Garau - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Il racconto del recupero della biblioteca di Samassi in Sardegna”

Gaia Bollini - Architetto, Comitato Tecnico Scientifico Associazione Internazionale Città della Terra Cruda

“Il racconto del recupero di cascinali in pisè a Novi Ligure e le tematiche dell’adeguamento prestazionale”

 

 

Giovedì 24 maggio 2018  

ore 15.00 / 18.00

Macerata Biblioteca Mozzi-Borgetti Sala Castiglioni

LA TERRA È PAESAGGIO 

Introduce

Stefania Monteverde - Assessore alla Cultura 

"Il Paesaggio fragile. L’Italia vista dai margini” 

Antonella Tarpino - Storica e saggista 

 

Locandina LA TERRA E'

 

Questo itinerario inconsueto tra i paesaggi ai margini del nostro Paese intende volutamente «far girare la testa». Forza il quadro ormai desueto della cartografia politica per ri-raccontare i luoghi.

Fa affiorare territori nascosti. Riporta in vita voci, visioni e suoni di chi quei paesaggi ha disegnato nel tempo. Ma come dare un futuro al paesaggio fragile, la montagna povera e gli interni (in Italia più della metà del territorio?).

In via preliminare con una rivoluzione dello sguardo che - forte delle parole degli scrittori e delle immagini dei pittori - ripari la memoria tradita di quei luoghi: lungo le valli frontaliere delle Alpi Marittime, le antiche vie del sale appenniniche e il paesaggio delle case in terra cruda dall'Adriatico al Tirreno.

È un racconto alla rovescia quello che emerge dalle testimonianze dei mulattieri, dei mercanti di capelli, dei suonatori ambulanti. Dove il loro perdersi e poi ritrovarsi nella memoria - che è contaminazione tra passato e progetti di futuro - ci svela direzioni di senso.