Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

ALERT: I dati personali pubblicati in Amministrazione trasparente sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e d. lgs. 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.


Concessione patrocini per iniziative culturali e artistiche

Concessione patrocini per iniziative culturali e artistiche. Procedimento per il quale il provvedimento non può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato ovvero il procedimento non può concludersi con il silenzio-assenso dell'amministrazione.

Chi contattare

Piazza Vittorio Veneto n. 2 - 62100 Macerata
Lunedì - Sabato 09,30 - 12,30
Tel. 0733 256440
Fax 0733 256472
cultura@comune.macerata.it
PEC comune.macerata.cultura@legalmail.it

Modalità di accesso

Ufficio di riferimento

Cultura e Rapporti con l'Istituzione Macerata Cultura Biblioteca e Musei
Uffici ai quali rivolgersi per la presentazione delle istanze, per informazioni, orari e modalità d'accesso
Per informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Cultura e rapporti con Istituzione Macerata Cultura Biblioteca e Musei
Indirizzo: Piazza Vittorio Veneto, 2 -Macerata
Posta elettronica certificata (PEC): comune.macerata.cultura@legalmail.it
Posta elettronica: cultura@comune.macerata.it
Recapiti telefonici: 0733 256440 

Orari di apertura al pubblico: dal lunedì al sabato 9,30 - 12,30

Modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari

Non sono previsti pagamenti

Risultati delle indagini di customer satisfaction

Non sono disponibili risultati di indagini di customer satisfaction

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

E' ammesso ricorso al TAR nel termine di 60 giorni o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato nel termine di 120 giorni, oltre alle tutele procedimentali previste dalla L. 241/90. Le pubbliche amministrazioni sono tenute al risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell'’inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento (art. 2 bis L. 241/90). L'’azione di risarcimento del danno derivante dall'’inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento è proponibile al Giudice Amministrativo nel termine di decadenza di 120 giorni. Il termine non decorre fintanto che perdura l'’inadempimento e inizia comunque a decorrere dopo un anno dalla scadenza del termine per provvedere. Inoltre, ad esclusione delle ipotesi di silenzio qualificato e dei concorsi pubblici, in caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento ad istanza di parte, per il quale sussiste l'obbligo di pronunziarsi, l'istante ha diritto di ottenere un indennizzo per il mero ritardo alle condizioni e con le modalità stabilite dalla legge o, sulla base della legge, da un regolamento emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400. In tal caso le somme corrisposte o da corrispondere a titolo di indennizzo sono detratte dal risarcimento.

Servizio on line

Non disponibile. Per i tempi di attivazione dei servizi comunali on line si rinvia al Programma Triennale per la Trasparenza e l'Integrità.

Titolare potere sostitutivo

Informazione non pervenuta