Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Informati per partecipare Fondi e progetti europei Archivio Progetti Progetto COLTIVARE IL DESERTO

Progetto COLTIVARE IL DESERTO

 

Banner coltivare il deserto

 

Partners

  • Associazione umanitaria “RIO DE ORO”
  • Istituto Tecnico Agrario di Macerata
  • Dipartimento di Protezione del Deserto di Tamanrasset in Algeria

 

Asse/Misura

Finanziamenti previsti nell'ambito dell'utilizzazione della quota dell'otto per mille ai sensi del DPR n. 250 del 23/09/2002:"Regolamento recante modifiche ed integrazioni al D.P.R. 10 marzo 1998 n. 76 concernente criteri e procedure per l’utilizzazione della quota dell’otto per mille dell’IRPEF devoluta alla diretta gestione statale”.

Provvedimento di approvazione

Delibera di Giunta n.103 del 10 marzo 2010

Obiettivo

Il progetto prevede il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
- contribuire al raggiungimento dell’autosufficienza alimentare della popolazione di un villaggio che vive in condizioni particolarmente difficili nel deserto del Sahara e la conseguente riduzione della malnutrizione delle famiglie, con una attenzione particolare ai disabili;
- aumentare la qualificazione del personale endogeno da destinare a compiti di contrasto delle situazioni di sottosviluppo.

Attività previste

Attraverso il presente progetto si intende realizzare n. 20 orti a conduzione familiare nella provincia di Dakla, uno dei villaggi del campo profughi del popolo Saharawi, con la finalità di creare sul posto una fonte di approvvigionamento di derrate alimentari da destinare al consumo della popolazione.
L’intervento  prevede la bonifica agraria e la messa a coltura ortiva di una porzione di deserto per ottenere alimenti freschi. Ciascun orto avrà la dimensione di mq 100.
Si tratta di un intervento basato su sperimentazioni effettuate da una pluralità di soggetti, fra cui l’Unicef e l’Istituto tecnico Agrario di Macerata.
E’ prevista la bonifica di uno spazio destinato a vivaio di piante di tipo medicinale, al fine di ristabilirne l’utilizzo da parte della popolazione che da trenta anni ha abbandonato il nomadismo per vivere nei campi profughi, perdendo tradizioni e conoscenze importanti e millenarie.
Un ulteriore orto sarà destinato a vivaio di arbusti ed alberi adatti a produrre verde ed ombra nei campi profughi così estremamente soleggiati.
Il progetto prevede, perciò, attività di immediato impatto volte ad incrementare l’autosufficienza alimentare ed il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie della popolazione individuata quale target di riferimento.
La realizzazione del progetto non può prescindere da un'opera di sensibilizzazione e di informazione capillare alla popolazione locale di tipo sia tecnico che culturale. Tale azione sarà perseguita durante tutto il periodo di realizzazione del progetto, avvalendosi sia di collaboratori esperti locali che di personale tecnico appartenente alle organizzazioni a diverso titolo coinvolte.

Beneficiari

I beneficiari diretti dell’iniziativa sono 20 famiglie della Wilaya di Dakla e beneficiari indiretti dell’iniziativa sono gli anziani bisognosi della Wilaya, i quali beneficiano di donazioni pari al 10 per cento della produzione di ogni orto familiare.

Periodo di realizzazione

12 mesi

Obiettivi raggiunti

Documento in formato Adobe Acrobat Leggi la relazione conclusiva a cura della Dott.ssa Barbara Vittori (1490 KB)

Coltivare il deserto

La realizzazione degli orti ha implicato in un primo momento una Missione tecnica per la formazione iniziale delle famiglie e l'avvio dell'attività di coltivazione:

- costruzione delle mura di cinta degli orti;

- realizzazione di pozzi e cisterne per l'irrigazione;

- installazione di impianti fotovoltaici;

- semina e raccolta.

Successivamente si è ritenuto opportuno ricorrere all'integrazione di attrezzature necessarie per il buon funzionamento del sistema: piccole serre da sistemare all’interno degli orti al fine di proteggere particolari colture.
Il progetto è ad oggi in grado di potersi autosostenere e di autoreplicare, grazie all’importante opera di formazione che è stata eseguita nei confronti delle famiglie coinvolte.
Notevole è stato il miglioramento della capacità di produzione agricola locale in modo sostenibile e soprattutto un potenziamento della conoscenza delle pratiche agricole sostenibili.


Informazioni

Ufficio Politiche Europee - viale Trieste, 24
tel.0733.256452
e-mail: ufficio.europa@comune.macerata.it

 
 




Navigation Extended