Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Informati per partecipare Sicurezza ed emergenze Emergenza Coronavirus Agevolazioni per la ripresa #maceratatornafuori

Agevolazioni per la ripresa #maceratatornafuori

Misure per favorire la ripresa delle attività commerciali nel comune di Macerata dopo l'emergenza Covid-19.

 

L’Amministrazione comunale di Macerata ha predisposto un piano di misure straordinarie a supporto delle attività commerciali del territorio comunale, finalizzate a ridurre i disagi e le difficoltà economiche derivanti dal rispetto delle misure restrittive imposte per il contenimento dell’emergenza epidemiologica.

Scopo è sostenere la ripartenza delle suddette attività nella cosiddetta “fase 2” e suoi successivi sviluppi, secondo i protocolli di sicurezza sanitaria, approvati dalla Giunta regionale l'11 maggio 20202, per i settori del turismo, del commercio e dei servizi socio-sanitari, che prevedono per la nuova fase di gestione dell’emergenza una serie di prescrizioni tra le quali il rafforzamento di misure di prevenzione e protezione e di rispetto di distanze interpersonali minime.

Il piano comunale, oggetto anche di confronto con le principali associazioni di categoria del settore (Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, CNA), affianca gli interventi di sostegno varati dal governo nazionale e regionale ed interessa varie tematiche di competenza comunale, quali tributi, occupazioni di suolo pubblico, ZTL, mobilità, come di seguito meglio dettagliato.

 


 

Consulta il piano nel dettaglio 

 TARIFFE, TASSE E TRIBUTI

OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO

MOBILITÀ E PARCHEGGI

ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI

RIFIUTI SPECIALI

MERCATO DEL MERCOLEDÌ

 

 


 

TARIFFE, TASSE e TRIBUTI

L’amministrazione comunale, per quanto di propria competenza, intende esentare o sospendere, in relazione alle possibilità amministrative, i tributi di propria competenza riguardanti l’ampliamento degli spazi esterni ai locali commerciali, in particolare TOSAP e TARI.

TOSAP

  • Fino al 31 dicembre 2020 è già in vigore l’esenzione al pagamento della TOSAP e dell’Imposta comunale sulla pubblicità, limitatamente alle Insegne pubblicitarie, per le attività commerciali e di produzione di beni e servizi con sede legale o operativa nei comuni del territorio colpito dagli eventi sismici del 2016 (cd. cratere sismico), ai sensi del comma 997 art. 1 L.145/2018, integrato dal D.L. n. 32 del 18/04/2019 convertito con L. 55 del 14/06/2019 e dal Decreto Interministeriale 14 agosto 2019.
  • Per le attività commerciali e di produzione di beni e servizi che non usufruiscono di tale esenzione, come le attività intraprese dopo il 1 gennaio 2019 o con sede legale fuori dal cratere (es. diverse attività ambulanti), verrà applicata l’estensione della sospensione TOSAP permanente e Imposta Comunale sulla Pubblicità, per le rati scadenti, fino al 30 settembre 2020, con pagamento nel 2021;
  • In ogni caso, le Occupazioni di Suolo Pubblico (OSP) temporanee verranno esentate dal pagamento della TOSAP fino al 31 ottobre 2020.
  • Per i soggetti sottoposti a rateizzazioni di rientro per mancati versamenti anni precedenti: con il D.L. 17 marzo 2020 n.18 (cd. “Cura Italia”) sono sospese le rateizzazioni fino al 31 maggio 2020. In assenza di ulteriori provvedimenti normativi nazionali, entro il 30 giugno le rate sospese dovranno essere pagate in un’unica soluzione. Per ovviare a tale problematica, la sospensione delle rateizzazioni verrà posticipata al 30 settembre 2020, riprendendo poi con il pagamento delle singole rate, i cui termini di dilazionamento verranno fatti slittare temporalmente in avanti.
  • Concessione delle OSP per il solo periodo emergenziale, e comunque fino al 31 ottobre 2020, anche a coloro che non risultano in regola con i pagamenti TOSAP, TARI, IMU degli anni precedenti, derogando le prescrizioni del vigente regolamento.

TARI

  • Si stabilisce l’esenzione al pagamento della TARI per le attività commerciali e di produzione di beni o servizi sottoposte a provvedimento di chiusura per l’intera durata del periodo di chiusura. L’esenzione avverrà su istanza dell’interessato (mediante autocertificazione del periodo di chiusura) e il corrispettivo verrà scalato dal pagamento della seconda rata TARI (o, per chi effettua il pagamento alla prima scadenza in un’unica soluzione, il corrispettivo verrà rimborsato o compensato con la Tari dell’anno successivo.
  • Sospensione dell’importo TARI relativo alle aree di occupazione del suolo pubblico concesse per il periodo 18 maggio 2020-31 ottobre 2020. Il pagamento verrà dilazionato all’annualità successiva.

 

 

TORNA ALL'INDICE




OCCUPAZIONI SUOLO PUBBLICO

MODALITÀ SEMPLIFICATA PER LA RICHIESTA DI OSP

Per consentire alle attività commerciali, in particolare ai pubblici esercizi, di favorire la ripresa dell’attività lavorativa già da lunedì 18 maggio, se tale data verrà confermata dai provvedimenti nazionali e regionali come possibilità per l’apertura di tutti i locali commerciali, si propone una modalità semplificata per la richiesta delle occupazioni di suolo pubblico, che permette in una “condizione emergenziale” come quella in atto di superare le tempistiche di gestione procedimentale previste dal Regolamento per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

La procedura ordinaria di concessione di autorizzazioni per OSP, infatti, non garantirebbe tempi sufficienti ad autorizzare le numerose occupazioni presumibilmente richieste fin dal primo giorno di riapertura, con il rischio di ostacolare la riapertura degli esercizi in condizioni di sicurezza per gli utenti.

A tal proposito è stata adottata l'ordinanza sindacale n. 115 del 15/05/2020 che, superando in via emergenziale il suddetto regolamento, renderà possibile effettuare immediatamente, compilando e inviando l'apposito modello di comunicazione tramite PEC all’indirizzo comune.macerata.attivitaproduttive@legalmail.it l’ampliamento di OSP esistenti fino a un massimo del 20% della superficie già occupata o nuove OSP fino a un massimo di 25 mq. L’invio della comunicazione via PEC è sufficiente per dare l’avvio all’occupazione, senza attendere l’autorizzazione di conferma e senza l’imposta di bollo.

Le occupazioni saranno inoltre esenti da TOSAP e TARI.

Viene estesa alle attività artigianali e agli esercizi commerciali non alimentari, la possibilità di occupare porzioni di suolo pubblico con la medesima modalità, ai fini del posizionamento di arredi al servizio della clientela in conformità con la tipologia di attività svolta, in ogni caso con il divieto di vendita su area pubblica e con l’obbligo di mantenimento dell’area in condizioni di pulizia e decoro.

Tale procedimento è valido esclusivamente su aree pedonali, ZTL e/o marciapiedi. Per occupazioni di suolo pubblico su strada carrabile o aree di sosta per auto (a pagamento, riservate ai residenti in centro storico, riservate ai disabili, riservate ad operazioni di carico e scarico), così come per le occupazioni di maggiori dimensioni o permanenti, resta in vigore la procedura ordinaria.

Parimenti, la richiesta di metrature maggiori sarà comunque possibile ma dovrà seguire le vie ordinarie, eventualmente in maniera semplificata qualora previsto da specifici provvedimenti normativi. Si cercherà in ogni caso di giungere quanto più celermente possibile alla conclusione delle pratiche.

Sarà possibile ricorrere tale modalità “emergenziale” (solo invio di PEC, senza attesa di autorizzazione di conferma), fino al 15 giugno 2020, data dopo la quale verranno accettate solo domande per via ordinaria, eventualmente in maniera semplificata qualora previsto da specifici provvedimenti normativi.

La comunicazione via PEC dovrà essere effettuata utilizzando esclusivamente l’apposito modello reperibile nella sezione SUAP del portale istituzionale del Comune, corredato obbligatoriamente di planimetria quotata e in scala redatta anche non a firma di tecnico abilitato entro i seguenti limiti e condizioni:

a)   i titolari di un’occupazione possono con tale modalità occupare il 20% in più della superficie attualmente autorizzata e comunque fino ad un massimo di 25 mq esclusivamente su aree pedonali, ZTL e/o marciapiedi;

b)   chi non è attualmente titolare di occupazione può con tale modalità occupare area pubblica fino ad un massimo di 25 mq esclusivamente su aree pedonali, ZTL e/o marciapiedi;

c)   l’occupazione deve essere realizzata con materiali facilmente e prontamente amovibili (es. tavoli, ombrelloni, sedie);

d)   l’occupazione dello spazio pubblico deve avvenire rispettando le norme di sicurezza e senza creare ostacolo al passaggio delle persone e dei mezzi di sicurezza, mantenendo in ogni caso uno spazio per il libero transito dei pedoni di almeno 1,50 ml;

e)   resta vietato collocare manufatti in fronte all’ingresso o alle vetrine di attività economiche limitrofe, salvo consenso scritto del titolare dell’attività stessa, da allegare alla suindicata comunicazione;

f)    in caso di impossibilità di occupazione del tratto davanti all’esercizio commerciale sarà possibile chiedere anche di occupare una zona vicina al proprio locale anche in deroga alle previsioni dell’art. 32, comma 4, lett.a), del Regolamento per la disciplina delle attività di somministrazione di alimenti e bevande in relazione sia alla distanza tra l’ingresso dell’esercizio e l’area che si intende occupare (attualmente fissata in 30 m di percorso pedonale), sia al raggio massimo dall’ingresso dell’esercizio dell’area da occupare (attualmente ricompresa entro un raggio di 60 m), purché nel rispetto delle condizioni igienico sanitarie vigenti;

g)   chi occupa un’area sede del mercato settimanale, il mercoledì dovrà far trovare l’area sgombra da ogni materiale ed idonea alla collocazione dei banchi di vendita;

h)   chi ha già prodotto una richiesta per l’occupazione di suolo pubblico che non sia ancora stata rilasciata può avvalersi della facoltà sopradescritta per realizzare immediatamente l’occupazione alle condizioni ed entro i limiti indicati;

i)    obbligo di procedere all’immediata rimozione dell’occupazione in caso di successiva comunicazione da parte del Comune del mancato rispetto delle condizioni sopraindicate e delle prescrizioni del Regolamento comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche ovvero di motivi ostativi rilevati dal Comando di Polizia Locale in relazione alla sicurezza e alla viabilità;

j)    le aree dovranno essere mantenute in condizioni costanti di pulizia e decoro, con particolare riguardo ad evitare l’abbandono di materiali monouso di servizio ai pasti (es. tovagliette, tovaglioli etc), la cui rimozione dopo l’utilizzo dovrà essere costantemente controllata dal gestore dell’esercizio.

>Ordinanza Sindacale n. 115 del 15/10/2020

>Modello di comunicazione di occupazione di suolo pubblico temporanea semplificata

ULTERIORI PROVVEDIMENTIRI RIGUARDANTI LE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO IN VIA ORDINARIA

  • GRATUITÀ DELL’OSP

Esenzione della Tassa di occupazione di suolo pubblico per il periodo compreso tra il 18 maggio 2020 e il 31 ottobre 2020, o comunque per tutta la durata del periodo di vigenza delle disposizioni governative che ne disciplineranno le modalità di riapertura con limitazioni a tutela della salute pubblica;

Sospensione della TARI riguardante le superfici di OSP per il periodo compreso tra il 18 maggio 2020 e il 31 ottobre 2020, o comunque per tutta la durata del periodo di vigenza delle disposizioni governative che ne disciplineranno le modalità di riapertura con limitazioni a tutela della salute pubblica, salvo provvedimenti governativi di esenzione della medesima.

  • DEROGHE AI REGOLAMENTI

- Si stabilisce anche per le OSP in via ordinaria, concesse fino al 31 ottobre 2020, che in caso di impossibilità di occupazione del tratto davanti all’esercizio commerciale sarà possibile chiedere di occupare una zona vicina al proprio locale anche in deroga alle previsioni dell’art. 32, comma 4, lett.a), del Regolamento per la disciplina delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, in relazione sia alla distanza tra l’ingresso dell’esercizio e l’area che si intende occupare (attualmente fissata in 30 m di percorso pedonale), sia al raggio massimo dall’ingresso dell’esercizio dell’area da occupare (attualmente ricompresa entro un raggio di 60 m), purché nel rispetto delle condizioni igienico sanitarie vigenti;

 

  • Si precisa che le richieste sono accolte per quanto possibile in relazione alla mobilità negli spazi pubblici alla sicurezza stradale e ad eventuali ragioni di pubblico interesse. Per i casi di domande concorrenti per una stessa area si rimanda a quanto previsto dall’art. 32, comma 5, del Regolamento per la disciplina delle attività di somministrazione di alimenti e bevande.

 

 

TORNA ALL'INDICE



 


MOBILITÀ E PARCHEGGI

  • Si confermano gli orari di apertura della ZTL nel centro storico attualmente vigenti: tutti i giorni dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 18:00 alle 22:00;
  • Modifica della modalità di gestione del parcheggio in Piazza Vittorio Veneto: viene prevista la gratuità per la sosta di un’ora, successivamente 1€/ora con sosta limitata a massimo 2 ore;
  • Modifiche alla viabilità in Corso Cavour: per permettere ai pubblici esercizi presenti prevalentemente sul lato sinistro di corso Cavour di usufruire di un maggior spazio pubblico, il transito in Corso Cavour verrà limitato alle sole due corsie di destra. I parcheggi presenti sul lato sinistro verranno disposti a spina di pesce e raggruppati in modo da liberare aree pedonali da utilizzare ai fini delle OSP dei pubblici esercizi.



ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Proposta orario 8:00-22:00 anche per le attività non di somministrazione, per favorire l’afflusso della clientela senza causare assembramento di persone, con possibilità di estensione anche nei giorni festivi


TORNA ALL'INDICE





RIFIUTI SPECIALI

L’Amministrazione comunale si impegna a prendere ogni provvedimento utile per favorire, in collaborazione con Consmari, il corretto ed efficiente smaltimento dei presidi di protezione e dei confezionamenti monouso al fine di minimizzarne l'impatto ambientale ed economico.


TORNA ALL'INDICE




MERCATO del MERCOLEDÌ

A seguito degli specifici protocolli di sicurezza per il commercio su area pubblica approvati dalla Regione Marche, sentite in merito anche le associazioni di categoria rappresentanti del settore ambulante, si sono analizzate le possibili problematiche relative allo svolgimento dei mercati comunali, in particolare quello del mercoledì del centro storico.

Al fine della salvaguardia della attività del commercio su aree pubbliche il mercato cittadino continuerà ad essere collocato nella sua collocazione storica del centro storico.

Verranno effettuate modifiche alla sola collocazione dei banchi alimentari, presenti in numero limitato nel mercato del mercoledì, per i quali il protocollo di sicurezza prevede la necessaria separazione dai non alimentari. Saranno comunque cercate soluzioni il quanto più possibile adeguate alle esigenze degli ambulanti interessati.

Per incrementare ulteriormente la sicurezza, l’obbligo di indossare la mascherina, già previsto dai protocolli di sicurezza approvati dalla Regione Marche per gli ambulanti e per gli utenti delle bancarelle, verrà esteso con apposito provvedimento a tutti coloro che il mercoledì mattina transiteranno nelle aree interessate dal mercato. 

Come ulteriore misura precauzionale, si prevedono percorsi pedonali con senso obbligato per le piazze principali in cui viene svolto il mercato: Piazza della Libertà, Piazza Cesare Battisti, Piazza Mazzini (limitatamente all’area davanti al catasto dove i banchi sono disposti su tre tronconi).

 

TORNA ALL'INDICE

Navigation Extended