Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Informati per partecipare Sportelli informativi Informagiovani Lavoro e professioni Incentivi all'imprenditoria giovanile, autoimpiego e autoimprenditorialità

Incentivi all'imprenditoria giovanile, autoimpiego e autoimprenditorialità

Tutti gli incentivi all'imprenditorialità giovanile, all'autoimpiego e all'autoimprenditorialità sono stati accorpati in un unico decreto legislativo del 21 Aprile 2000 numero 185 e definitivamente confermate e regolamentate dal Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 16 Luglio 2004 numero 250 (recentemente modificata e aggiornata con la Circolare del 9 ottobre 2015)
L'Agenzia che si occupa dello sviluppo d'impresa si chiama Invitalia (Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, agisce su mandato del Governo per accrescere la competitività del Paese, in particolare del Mezzogiorno, e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo. I suoi obiettivi prioritari sono: favorire l'attrazione di investimenti esteri, sostenere l'innovazione e la crescita del sistema produttivo, valorizzare le potenzialità dei territori).
Tutte le prime informazioni sono reperibili sul sito www.invitalia.it
oppure attraverso il contatto diretto ai recapiti presenti sulla seguente pagina: http://www.invitalia.it/site/new/home/contatti.html

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

 

Opportunità di finanziamento Nazionali
Opportunità di finanziamento Regionali
Altre opportunità di finanziamento

Approfondimenti
Riferimenti utili

Consulenza gratuita con il commercialista presso l'informagiovani new



NEWS!!!

  

  • Yes I STARTUP new – Nuovo progetto Garanzia Giovani per l’avvio di impresa riservato ai NEET (giovani con età tra i 18 e i 29 anni che non studiano e non lavorano). Il programma prevede un percorso formativo e la possibilità di accesso al fondo SELFIEmployment

  • Gli incentivi MISE 2018
    Misure di incentivazione e di sostegno rivolte alle imprese e al mondo produttivo avviate dal Ministero per le quali è possibile presentare la domanda.

  • SELFIEmployment - GG
    il Fondo Rotativo Nazionale promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per gli iscritti a ‪Garanzia Giovani che avvieranno iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità attraverso credito agevolato (scadenza prorogata fino al 31/12/2018)

  • Aiuti alle imprese per l’assunzione di soggetti disoccupati
    dal 10/08/2018 le imprese marchigiane che assumono (a tempo determinato e indeterminato) disoccupati possono presentare domanda di contributi nell'ambito del POR FESR Regione Marche 2014/2020 (avviso chiuso il 21/11/2018 causa eccesso di domande).



Opportunità di finanziamento nazionali
 

Misure di incentivazione e di sostegno rivolte alle imprese e al mondo produttivo avviate dal Ministero per le quali è possibile presentare la domanda.

E' l’incentivo per i giovani e le donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa.
Le agevolazioni rappresentano la versione "rinnovata" della misura Autoimprenditorialità (decreto legislativo 185/2000, Titolo I, modificata e aggiornata dal Ministero dello Sviluppo Economico con la Circolare del 9 ottobre 2015).
Destinatari:

gli incentivi sono rivolti alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni e donne (senza limiti di età). Nuove o costituite non più di 12 mesi  (alla data di presentazione della domanda).
Finanziamenti:
finanziano progetti d’impresa fino a 1,5 milioni di euro. Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.
Scadenza: non ci sono scadenze. La domanda può essere inviata dal 13 gennaio 2016.
FAQ

  • AUTOIMPIEGO (Titolo II del Decreto Legislativo n. 185/2000)

A causa dell’esaurimento dei fondi, dal 9 agosto 2015 è sospesa la richiesta dei finanziamenti

Destinatari:
-  start-up innovative di piccola dimensione già iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese.
Per start-up innovative si intendono le imprese che rispondono a precisi requisiti di legge, tra cui:

- società di capitali costituite da non più di 48 mesi;

- che offrono prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;

- con valore della produzione fino a 5 milioni di euro. (per i dettagli sui requisiti vedi Art. 25 del DL 179/2012)

- team di persone fisiche che intendono
costituire una start-up innovativa in Italia, anche se  residenti all’estero o di nazionalità straniera.
Finanziamento:
Si tratta di un mutuo senza interessi, il cui valore può arrivare:
 - fino all’80% delle spese ammissibili (max € 1.200.000), nel caso in cui la start-up abbia una compagine costituita da giovani e/o donne o abbia tra i soci un dottore di ricerca che rientra dall’estero. 
- fino al 70% delle spese ammissibili (max € 1.050.000) negli altri casi.
Cosa finanzia:
Progetti che prevedono programmi di spesa, di importo compreso tra 100 mila e 1,5 milioni di euro, per beni di investimento e/o per costi di gestione. Tra le principali voci di spesa ammissibili:
- per gli investimenti: impianti, macchinari e attrezzature tecnologiche; componenti HW e SW; brevetti, licenze, knowhow; consulenze specialistiche tecnologiche;
- per la gestione: personale dipendente e collaboratori; licenze e diritti per titoli di proprietà industriale; servizi di accelerazione; canoni di leasing; interessi su finanziamenti esterni.
Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda ed entro i 2 anni successivi alla stipula del contratto di finanziamento.

Le start-up costituite da meno di 12 mesi beneficiano di servizi di tutoring tecnico-gestionale. I servizi di tutoring, individuati in base alle caratteristiche delle start-up, sono finalizzati a sostenere la fase di avvio. Si tratta di servizi specialistici (pianificazione finanziaria, marketing, organizzazione, gestione dell’innovazione, altro) che possono includere anche scambi con realtà di rilievo internazionale

Il microcredito è stato pensato per rispondere alle esigenze di coloro che, volendo avviare attività micro-imprenditoriali devono affrontare la mancanza di un capitale iniziale di minima entità, che spesso impedisce l'avvio di forme di imprese, anche individuali.
L’obiettivo della misura è quello di favorire l’accesso al credito ai soggetti che non sono in grado di fare autonomamente ricorso al credito bancario ordinario (soggetti non bancabili), attraverso la concessione di una garanzia a costo zero sui finanziamenti concessi dagli istituti di credito convenzionati, forme di credito a breve medio termine finalizzate prevalentemente all'acquisto di beni strumentali per attività economiche nuove e avviate nell'anno precedente.
Destinatari:
imprese già costituite o i professionisti già titolari di partita IVA, in entrambi i casi da non più di 5 anni. Professionisti e imprese non possono avere più di 5 dipendenti, ovvero 10 nel caso di Società di persone, SRL semplificate, cooperative. Ulteriori limitazioni riguardano l'attivo patrimoniale (massimo 300.000 euro), i ricavi lordi (fino a 200.000 euro) e livello di indebitamento (non superiore a 100.000 euro).
Cosa finanzia:
Sono ammissibili alla garanzia del Fondo i finanziamenti finalizzati all'acquisto di beni e servizi direttamente connessi all'attività svolta (compreso il pagamento dei canoni del leasing, il microleasing finanziario e il pagamento delle spese connesse alla sottoscrizione di polizze assicurative), al pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti o soci lavoratori e al sostenimento dei costi per corsi di formazione.
Importi:
I finanziamenti possono avere una durata massima di 7 anni, non possono essere assistiti da garanzie reali e non possono eccedere il limite di euro 25.000 per ciascun beneficiario. Tale limite può essere aumentato di euro 10.000 qualora il finanziamento preveda l'erogazione frazionata, subordinando i versamenti al pagamento puntuale di almeno le ultime sei rate pregresse e al raggiungimento di risultati intermedi stabiliti dal contratto. 
Al fine dell’accesso alla garanzia, non occorre presentare al Fondo alcun documento contabile né un business plan: il merito di credito dell’impresa o del professionista viene valutato dal soggetto finanziatore.


Opportunità di finanziamento regionali

La Camera di Commercio di Macerata ha approvato il progetto “Avvio di Nuova Impresa”, al fine di concedere incentivi economici per sostenere l’avvio di nuove realtà economiche (imprese, studi professionali e liberi professionisti associati in forma di impresa) anche a seguito degli eventi sismici del 24 agosto 2016 nell’ambito della provincia di Macerata.
Destinatari:
imprese (individuali, società di persone e società di capitali, cooperative) e studi professionali e liberi professionisti associati in forma di impresa, che abbiano sede legale e/o unità locale nella provincia di Macerata.
Contributo:

I contributi sono concessi per un valore massimo di euro 15.000,00, per le imprese delle aree del cratere il valore massimo è fissato in euro 16.000,00.
I contributi sono concessi per un valore massimo del 50% dei costi sostenuti, con l'applicazione della ritenuta d’acconto del 4%
Scadenza domande:
 scaduto il 30 novembre 2018

 

Saranno finanziate le nuove imprese, gli Studi Professionali, Singoli e/o Associati e/o dei Liberi professionisti, aventi sede legale e/o sede operativa nel territorio della regione Marche che si costituiscono dopo la pubblicazione del presente Avviso Pubblico sul BURM e successivamente alla presentazione della domanda di contributo.
Destinatari:
- soggetti con un’età minima di 18 anni
-
soggetti residenti o domiciliati (domicilio da almeno 3 mesi) nella regione Marche
- soggetti iscritti come disoccupati, ai sensi del D.lgs 150/2015, presso i Centri per l’Impiego
Contributo:
I contributi sono concessi per un importo fino a 30.000,00 euro. I contributi riconducibili alle spese ammissibili al FSE sono consentiti fino al 100%, fatta eccezione per i voucher formativi che possono essere concessi fino ad un importo massimo dell’80% della spesa.
I contributi riconducibili alle spese nell’ambito FESR (infrastrutture, terreni e beni immobili) sono consentiti fino ad un massimo del 50% del contributo pubblico complessivo riconosciuto e comunque nel rispetto dei tetti fissati dal Reg. UE 1301/2013. Possono essere ammessi a contributo i progetti che prevedano una spesa minima pari o superiore a 10.000,00 euro.
L’agevolazione concedibile sarà costituita da un contributo in conto capitale, da erogare in regime “DE MINIMIS” ai sensi del Reg. UE 1407/14 (art.14 del bando)
Scadenza domande: Bando scaduto il 12 aprile 2018


Altre opportunità di finanziamento

 

Finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma, in favore di iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità rivolti a giovani neet che vogliono mettersi in proprio o avviare un’attività imprenditoriale.
SELFIEmployment è il nuovo fondo rotativo nazionale promosso dal Ministero del Lavoro e gestito da Invitalia

Le agevolazioni sono rivolte ai giovani fino a 29 anni, che non hanno un lavoro e non sono impegnati in percorsi di studio o di formazione professionale (i cosiddetti Neet - Not in education, employment or training) iscritti al programma Garanzia Giovani..

SELFIEmployment è valido in tutta Italia e finanzia, nel rispetto del regolamento de minimis, progetti che prevedono spese per almeno 5.000 euro, fino a un massimo di 50.000 euro. 
I finanziamenti:

  • sono a tasso zero
  • coprono fino al 100% delle spese
  • non richiedono garanzie personali
  • devono essere restituiti in 7 anni

Possono essere finanziate le iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, come ad esempio:

  •  turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi
  • servizi alla persona
  • servizi per l’ambiente
  • servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione)
  • risparmio energetico ed energie rinnovabili
  • servizi alle imprese
  • manifatturiere e artigiane
  • commercio al dettaglio e all'ingrosso
  • trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’articolo 1.1, lett. c), punti i) e ii) del Reg. UE n. 1407/2013;

Sono esclusi i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura e,  in generale, i settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013.
Vuoi saperne di più?

Riservato a Microimprese è gestito dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana).
Sono finanziamenti di importo non superiore a 25.000 euro, erogati in una unica tranche, se non diversamente concordato tra Banca e Cliente, per l’avvio o lo sviluppo di un’iniziativa imprenditoriale o di lavoro autonomo, TAN non superiore al 4,5% . La rata mensile indicativa è di 468 euro. 
Il finanziamento viene restituito alla Banca sulla base di un piano di ammortamento della durata massima di 6 anni, comprensivi del periodo di preammortamento di 12 mesi In nessun caso si applicano le penali di estinzione anticipata.

Destinatari:
Categorie di persone disagiate (disoccupati, giovani in cerca di 1° occupazione,..) in grado di intraprendere un nuovo progetto di lavoro.
Le Microimprese * che incontrano difficoltà di accesso al credito per realizzare investimenti sostenibili di crescita e sviluppo oppure sono in fase di avvio: 
- imprese individuali, 
- società di persone, 
- S.R.L. semplificata ex art. 2463 bis c.c.,
-  società cooperative
*come definite dall’articolo 18, comma 1, lett. d-bis, del D. Lgs. 6.9.2005, n. 206 (Codice del Consumo)

INFO:
Progetto Policoro Macerata
c/o Diocesi Piazza Strambi, 3
tel.0733/232795 - diocesi.macerata@progettopolicoro.it



Approfondimenti


-  Il Business Plan
-  Vademecum sull'avvio d'impresa 


Riferimenti utili

Gli operatori dell'Informagiovani consigliano agli interessati alla costituzione di un'impresa di rivolgersi anche ai seguenti enti pubblici:

Camera di commercio di Macerata
Sede Istituzionale:
Via Tommaso Lauri 7, Macerata
Tel. 0733/2511
Sede Operativa:
Via Armaroli 43, Macerata
Tel. 0733/2511


Centro per l'impiego di Macerata
Via F.lli Moretti, 14 (ingresso ai Servizi per l'Impiego da Piazzale Mercurio, 93-94) - PIEDIRIPA - Macerata
tel: 0733 409111
fax: 0733 409266
E-mail: cimacerata@provincia.mc.it
ORARIO: Dal lunedì al Venerdì 9-12 Martedì anche 15-17


Sede centrale: Via Calabria, 46 - 00187 Roma
Tel. 06 421601 (centralino)
Numero azzurro 848.886886 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00)
info@invitalia.it

ANPAL - Agenzia Nazionale Politiche Attive per il Lavoro
Via Fornovo 8 - 00192 Roma
Numero unico per il lavoro:  800.00.00.39 (gratuito, dalle 9:00 alle 18:00, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi)
Email: info@anpal.gov.it


Navigation Extended