Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Informati per partecipare Sportelli informativi Informagiovani Lavoro e professioni Stage e Tirocini (normativa in vigore dal 27.08.2013)

Stage e Tirocini (normativa in vigore dal 27.08.2013)

COS'E' UNO STAGE 
Lo stage, o tirocinio formativo e di orientamento, non è un lavoro, e nemmeno una sorta di vacanza, magari un po' diversa dal solito. 
È piuttosto un "ponte" tra il mondo dello studio e quello del lavoro, è un'importante opportunità offerta a chi si sta avviando alla fine degli studi, o chi invece è all'inizio della vita lavorativa, di essere parte in maniera integrante al ciclo produttivo di un'impresa, per un certo periodo. 
Lo stage ha lo scopo di "...realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell'ambito di processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro." 
Esistono due tipi di stage: gli stage formativi e gli stage di orientamento al lavoro. 

STAGE FORMATIVO: è un tirocinio nel quale l'attività affrontata è correlata agli studi compiuti, per un periodo tale da approfondire, verificare ed ampliare le nozioni acquisite durante il percorso degli studi.

STAGE DI ORIENTAMENTO AL LAVORO: è un'esperienze di breve durata che mira ad approfondire la conoscenza di una determinata realtà del lavoro. 

COME FARE UNO STAGE 
Per affrontare uno stage deve essere stipulata, tra l'ente promotore e l'azienda ospitante, una convenzione, che regoli i rispettivi diritti e doveri, nonché renda note le caratteristiche del processo di apprendimento e formativo. 
Inoltre la convenzione deve contenere il nominativo del tirocinante, il periodo e durata dello stage, la sede di lavoro, ed il settore di inserimento. 
Devono essere presenti gli obiettivi e le modalità dello stage, i nominativi dei due tutor (uno incaricato dal soggetto promotore e l'altro indicato dall'azienda), gli estremi delle polizze assicurative a carico dell'azienda. 

Se vuoi avere maggiori informazioni e conoscere gli stage offerti dalla provincia di Macerata e dall'università di Macerata ti invitiamo a consultare gratuitamente il materiale a disposizione presso l'Informagiovani, oppure a visitare il sito: Portale Lavoro della Provincia di Macerata o Centro tirocini e rapporti con il mondo del lavoro dell'Università di Macerata

 

TIROCINI: Nuova normativa regionale valida dal 27 agosto 2013 (DGR n. 1134 del 29/07/2013)

 Nella Regione Marche le tipologie di tirocinio diventano quattro:

1. La prima, con finalità orientativa e formativa, è finalizzata ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità dei giovani nel percorso di transizione tra la formazione (scuola/università/formazione professionale) e lavoro, attraverso una formazione a diretto contatto con il mondo del lavoro. I destinatari sono le persone che hanno conseguito un titolo studio negli ultimi dodici mesi;

2.La seconda tipologia riguarda i tirocini di inserimento o di reinserimento al lavoro, rivolti principalmente a disoccupati, persone in mobilità e inoccupati, ma attivabile anche in favore di lavoratori in cassa integrazione, sulla base di specifici accordi in attuazione delle politiche attive del lavoro per l’erogazione degli ammortizzatori sociali; 

3.La terza tipologia riguarda i tirocini di orientamento e formazione o di inserimento e reinserimento in favore di persone svantaggiate (legge n. 381/91) nonché richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale;

4.La quarta tipologia riguarda i tirocini di orientamento e formazione o di inserimento e reinserimento in favore di persone con disabilità (ai sensi dell’art. 1, comma 1, della legge n. 68/1999).

Tra le novità più significative: la durata massima di 6 mesi per le prime due tipologie, 12 mesi per la terza tipologia (tirocini in favore di persone svantaggiate) e 24 mesi per la quarta (tirocini in favore di persone con disabilità); i soggetti ospitanti non potranno attivare tirocini per un periodo pari a 12 mesi qualora risultasse che, tra quelli di inserimento o reinserimento lavorativo già realizzati e conclusi negli ultimi 24 mesi, almeno un terzo dei tirocinanti non siano stati successivamente assunti, con un contratto di lavoro di durata almeno pari a quella del tirocinio concluso; l'indennità di partecipazione non inferiore a 350 euro.

Vai al sito della Regione Marche

 

Navigation Extended