Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Territorio e Ambiente Patrimonio

Patrimonio

Definizione e ambiti del patrimonio del Comune di Macerata

L'art. 812 del Codice Civile recita: "Sono beni immobili il suolo, le sorgenti e i corsi d'acqua, gli alberi, gli edifici e le altre costruzioni, anche se unite al suolo a scopo transitorio, e in genere tutto ciò che naturalmente o artificialmente è incorporato al suolo. Sono reputati immobili i mulini, i bagni e gli altri edifici galleggianti quando sono saldamente assicurati alla riva o all'alveo e sono destinati ad esserlo in modo permanente per la loro utilizzazione.
Sono mobili tutti gli altri beni ."

L'uso fatto dal Codice Civile del termine "bene" distingue i beni mobili da quelli immobili, ma occorre una ulteriore distinzione tra beni che fanno parte del demanio da quelli del patrimonio indisponibile e disponibile.

L'articolo 822 del Codice Civile elenca i beni demaniali dello Stato.
L'articolo 824 equipara il regime giuridico del demanio delle Province e dei Comuni a quello dello Stato.

L'articolo 826 del Codice Civile recita: "I beni appartenenti allo Stato, alle province e ai comuni, i quali non siano della specie di quelli indicati dagli articoli precedenti, costituiscono il patrimonio dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni [11, 828, 829]. Fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato [828 2] le foreste che a norma delle leggi in materia costituiscono il demanio forestale dello Stato, le miniere, le cave e torbiere quando la disponibilità ne è sottratta al proprietario del fondo [840], le cose d'interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico, da chiunque e in qualunque modo ritrovate nel sottosuolo [839, 932], i beni costituenti la dotazione della Presidenza della Repubblica [Cost. 84], le caserme, gli armamenti, gli aeromobili militari [c. nav. 745] e le navi da guerra. Fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni, secondo la loro appartenenza, gli edifici destinati a sede di uffici pubblici, con i loro arredi, e gli altri beni destinati a un pubblico servizio."

Navigation Extended