Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2015 Al Centro per Famiglie incontro e scambio di auguri con l’assessore Marcolini

Al Centro per Famiglie incontro e scambio di auguri con l’assessore Marcolini

Presenti i 66 bambini che frequentano i centri di aiuto allo studio.
23 dicembre 2015

 Piccolo momento conviviale e scambio di auguri durante le festività al Centro per Famiglie insieme all’assessore ai Servizi sociali, Marika Marcolini,  alle famiglie e agli operatori.

  Le famiglie, 38 nel 2015, sono quelle di 66 bambini che stanno frequentando i centri comunali di aiuto allo studio pomeridiano Il Sestante e Centro per famiglie. A pochi mesi dall’avvio i centri, rivolti agli alunni della scuola primaria e secondaria inferiore di primo grado, hanno semplificato in parte il faticoso lavoro di crescita che alunni e famiglie a volte si trovano ad affrontare nel percorso scolastico.

  La convivialità del momento è stata assicurata dalla condivisione di cibi tradizionali dei diversi paesi da cui provengono i bambini che frequentano i centri.

Le famiglie frequentano il Centro per Famiglie assistendo agli incontri di sostegno di gruppo e ieri si sono incontrati anche con gli operatori domiciliari e dei centri che hanno terminato il corso di formazione proposto dal Servizio Sociale del Comune.

  La formazione è stata realizzata grazie al contributo dell’Ambito territoriale Sociale 15 e delle diverse realtà associative presenti nel territorio, in particolare il Centro ICLeS, l’Associazione Glatad e il Centro antiviolenza, che hanno messo a disposizione la loro professionalità e la loro esperienza nell’ambito della tutela minori per accrescere la formazione di coloro che quotidianamente si trovano a sostenere e condividere situazioni familiari fragili.

  Il momento di incontro tra operatori, associazioni e famiglie stesse è stato voluto dall’assessore Marcolini per mettere in luce l’importanza del dialogo tra le famiglie e gli operatori sociali in uno spazio di condivisione e convivialità e nell’ottica del rafforzamento delle sinergie esistenti tra le istituzioni che, a vario titolo, sono responsabili della tutela minori.  

TAG: