Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2015 Al Lauro Rossi "Don Giovanni" con Alessandro Preziosi

Al Lauro Rossi "Don Giovanni" con Alessandro Preziosi

Domani pomeriggio per "Gente di teatro" incontro con la copmpagnia
09 dicembre 2015

 Prosegue domani, giovedì 10 dicembre, con Don Giovanni diretto e interpretato da Alessandro Preziosi la stagione del Teatro Lauro Rossi di Macerata promossa dal Comune di Macerata e dall’AMAT e realizzata con il contributo di Regione Marche e Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

  Alessandro Preziosi nel ruolo del protagonista è in scena nello spettacolo con Nando Paone in quello di Sganarello.

  Con Don Giovanni torna giovedì 10 dicembre alle ore 18 presso la Civica Enoteca Maceratese Gente di Teatro, ciclo di incontri con le compagnie protagoniste al Teatro Lauro Rossi per approfondire e conoscere il processo creativo e quanto si nasconde dietro la realizzazione di uno spettacolo.

 La vicenda dell’impenitente libertino che finirà alla fine inghiottito dall’inferno è, per il traduttore e adattatore Tommaso Mattei «un testo che suona ancora oggi come attuale. Ma è anche un’opera misteriosa e sublime, unica anche dal punto di vista stilistico: una commedia irresistibilmente atipica rispetto alla vasta produzione del commediografo francese, quasi una shakespeariana tragedia».

«In una società – scrive Preziosi nelle sue note di regia - che oramai sembra implorare la finzione per raggiungere la felicità, convivendo nella costante messa in scena di sentimenti emozioni anche famigliari, il Don Giovanni di Moliere smaschera il paradigma di ipocriti comportamenti, di attitudini sociali figlie di una borghesia stantia e decadente divenendo maestro inimitabile della mimesi. Accumula, dunque, Don Giovanni su di sé, come una cavia, l'ipocrisia del mondo, e diviene consapevolmente la vittima sacrificale e contemporanea della società in cui vive. In sostanza, il personaggio letterario, che attraverso questo sacrificio continua ad essere mito dell'individualismo moderno finisce per immolarsi, rifiutando la misericordia divina, per il pubblico di oggi, e per questo rimanendo mito del ventunesimo secolo. Non rimane che sperare che questa ‘spettacolizzazione’ dei vizi dell'anima crei nel pubblico, indispensabile per il nostro Don Giovanni, un contraccolpo di reale riflessione sul senso e il mistero della vita: la salvezza dello spirito è radicalmente legata alla nostra autenticità. Quale migliore augurio per il teatro di oggi».

  Completano il cast gli attori Lucrezia Guidone, Maria Sellitto, Roberto Manzi, Daniele Paoloni, Daniela Vitale e Matteo Guma. Le scene dello spettacolo sono di Fabien Iliou, i costumi di Marta Crisolini Malatesta, le luci a cura di Valerio Tiberi, le musiche originali composte da Andrea Farri. Alessandro Maggi firma la supervisione artistica per la produzioneKhora.teatro in collaborazione con TSA Teatro Stabile d’Abruzzo.

Per informazioni: biglietteria dei teatri 0733 230735,AMAT 071 2072439, www.amatmarche.net .

 

 

 

 

TAG: