Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2015 Alessandro Carbonare ai concerti di Appassionata

Alessandro Carbonare ai concerti di Appassionata

Il clarinettista preferito da Claudio Abbado in trio con Elisa Papandrea e Monaldo Braconi domenica al Lauro Rossi.
12 marzo 2015

Domenica (15 marzo), alle 17, va in scena al Teatro Lauro Rossi il penultimo appuntamento con i Concerti di Appassionata, la rassegna di musica classica e cameristica organizzata da Appassionata in collaborazione con il Comune di Macerata, la Provincia, la Regione Marche, con la main sponsorship di Menghi Shoes, Fineco, Conceria del Chienti e il contributo, per questo concerto in particolare, del Rotary Club Macerata - distretto 2090 e dell'Inner Wheel Italia Club di Macerata.

  Protagonista è Alessandro Carbonare, clarinettista italiano fra i più famosi al mondo, che si esibisce in trio con Elisa Eleonora Papandrea al violino e Monaldo Braconi al pianoforte.

  Primo clarinetto dell'Orchestra dell'Accademia nazionale di S.Cecilia, Carbonare ha collaborato con l’Orchestre National de France, i Berliner Philarmoniker, la Chicago Symphony, la Filarmonica di New York, la Filarmonica di Oslo e la Tokyo Metropolitan Orchestra.

  In qualità di guest professor è stato invitato al Royal College di Londra, alla Juilliard School di New York, al Conservatorio Superiore di Parigi e alla School of Arts di Tokyo.

Su invito di Claudio Abbado, Carbonare ha registrato con l’Orchestra Mozart per Deutsche Grammaphon il concerto che si è aggiudicato il Record Academy Awards nel 2013.

Il grande Maestro è stato anche il filo rosso che ha fatto incontrare Carbonare con Elisa Papandrea, violinista nell’Orchestra Symphonica Toscanini diretta da Lorin Maazel e membro stabile dell’Orchestra sinfonica nazionale della Rai. Monaldo Braconi è collaboratore storico dell’acclamato clarinettista.

  Il trio ha raccolto fin da subito il plauso del pubblico internazionale e arriva al Lauro Rossi di  Macerata dopo la tournée in Giappone e prima dell’esibizione di aprile all’Ambasciata italiana a Mosca.

  Il programma del concerto di domenica 15 marzo porta gli spettatori in un affascinante viaggio dedicato alla musica per il teatro attraverso i continenti fra Ottocento e Novecento. Dalla Russia delle ‘Cinque danze’ di Dmitri Shostakovich all’Europa continentale del ‘Der Hirt auf den Felsen’ (Il pastore sulla roccia) di Franz Schubert, che nel 1828 introdusse accanto al piano il clarinetto come un elemento di novità rispetto al passato; di Anton Giulio Priolo ‘Three penny in the dark’, fantasia su ‘Canzone dei cannoni’ che il geniale Kurt Weill compose nel 1928 per ‘Opera da tre soldi’ di Brecht. La prima parte si chiude con ‘Freilach’ la danza yiddish di Reiner Kuttenberger. Sulle note di ‘Largo’ di Charles Ives si attraversa l’Atlantico per poi tornare in Italia con ‘Le api’ di Antonio Pasculli che anticipa di vent’anni Korsakov. ‘In a sentimental mood’ proietta nell’America jazz di Duke Ellington per concludere infine con il klezmer di Kuttenberger ‘Habdala-Blistpost’.

Info:  www.comune.macerata.it  www.appassionataonline.it .

Biglietti da 5 a20 euro presso la biglietteria dei teatri di Macerata (tel. 0733.230735, da lun. a sab. 10.30-12.30 e 16.30-19.30), online su www.vivaticket.it e in tutte le biglietterie del circuito regionale Amat.

TAG: