Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2015 Tutto esaurito al TLR per il teatro della Comunità

Tutto esaurito al TLR per il teatro della Comunità

Lo spettacolo ha toccato aspetti delicati come malattia, emarginazione, solitudine, per poi diffondere un messaggio importante: amare la vita e le persone, non arrendersi mai e lottare con il sorriso
16 dicembre 2015

Tutto esaurito, domenica 13 dicembre, al teatro Lauro Rossi per la serata finale della tredicesima edizione del festival “Così vicino così lontano Macer/azione Atto XIII”, organizzato dall'Anmic  con il sostegno del Comune di Macerata. Lo spettacolo del Teatro della Comunità, un progetto dell'attore e regista di cinema e teatro Marco Di Stefano e della danzatrice e coreografa Tanya Khabarova, ha chiuso la manifestazione dedicata all'attore e doppiatore maceratese Silvio Spaccesi.

Sul palco oltre cinquanta persone: uomini e donne, giovani e meno giovani, italiani e stranieri, diversamente abili e non. Persone diverse, eppure così uguali alla ricerca di ciò che unisce, dell'amore e della integrazione. Il tema di quest’anno è stato la “resilienza”, ossia la forza delle persone di affrontare e superare un momento difficile e di riorganizzare positivamente la propria vita.                                                                                   

Lo spettacolo ha toccato aspetti delicati come la malattia, l'emarginazione, la solitudine, per poi diffondere un messaggio importante: amare la vita e le persone, non arrendersi mai e lottare con il sorriso.

Emozionante l'ingresso della cantante Pia Mora, amica da sempre del festival, così come la partecipazione del coro Equi-Voci di Urbisaglia, presenze tenute nascoste fino alla fine per fare una sorpresa al pubblico. Sul palco anche il trio rock La resistenza e il gruppo Arte Danza di Valentina Pierandrei.                            

Tra gli ospiti del festival di quest'anno il regista Silvano Agosti, che ha presentato il suo ultimo film “Il fascino dell'impossibile”, una storia che affronta l’avventura poetica e tragica dei bambini disabili, raccontata con raro amore da un essere umano che ha dedicato a loro la sua intera vita. E ancora, gli attori Vincenzo Di Bonaventura, portatore sano di quella cultura teatrale in via di estinzione e il giovane attore Simone Riccioni, nuovo volto del panorama nazionale che, dal 2012, si è affermato recitando nel mondo del cinema, fiction e pubblicità.

Il festival è stato organizzato con il contributo di Comune di Macerata, Consiglio regionale delle Marche, Banca Mediolanum, Carnevali Ascensori e il patrocinio della Provincia di Macerata, dell'Università degli Studi di Macerata, dell'Accademia di Belle Arti, delle associazioni Compagnie Teatrali Riuniti, I nuovi amici, Avulss, Il Glomere, Rotary Club Macerata, Inner Wheel Club Macerata, Soroptimist Club Macerata.

TAG: