Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2016 #saranonsarà drappo rosso in Comune contro il femminicidio

#saranonsarà drappo rosso in Comune contro il femminicidio

Il sindaco Carancini ha dispiegato il drappo per testimoniare la presenza dell'istituzione nella lotta contro il femminicidio
04 giugno 2016

Un drappo rosso al balcone del municipio di Macerata. E’ stato il sindaco Romano Carancini a dispiegarlo stamattina aderendo all'appello lanciato sui social, sotto l’hastag #saranonsarà, contro il femminicidio, dopo l’ennesimo, atroce atto compiuto nei giorni scorsi  contro la ventiduenne Sara Di Pietrantonio, studentessa universitaria uccisa sabato notte a Roma dall’ex fidanzato.

Il Comune ha voluto partecipare così alla mobilitazione avviata da un gruppo di donne nel giorno della ricorrenza del 2 giugno, 70esima ricorrenza anche del voto alle donne italiane, affinché alle finestre e balconi sia apposta una stoffa di colore rosso, che “simboleggia il sangue versato dalle donne uccise dai loro uomini, o ex uomini, o corteggiatori rifiutati”. Il bilancio dei primi cinque mesi del 2016 è drammatico: 55 donne uccise, vittime di femminicidio e, secondo l’Istituto Eures, 43 di questi omicidi sono avvenuti all’interno del nucleo familiare, la metà all’interno della coppia.

“Talvolta le parole hanno necessità di essere accompagnate da azioni anche simboliche – commenta il sindaco Romano Carancini. “Quando questo avviene anche da parte delle istituzioni vuol dire farsi carico dei temi dei cittadini, di tutti noi. Per questo la città che rappresento, Macerata, vuole testimoniare insieme alla presidente della Camera Laura Boldrini l’impegno a combattere il femminicidio e comunque ogni forma di violenza sulle donne. Per questo abbiamo esposto il drappo rosso al balcone del Comune e, facendo proprio l’invito lanciato in questi giorni, mi piacerebbe che anche i maceratesi esponessero alle loro finestre e balconi una stoffa rossa che ricordi la tragedia di Sara, perché questo non avvenga mai più.” (ap)