Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2018 Delegazione maceratese a Taicang, firmato nuovo protocollo di cooperazione

Delegazione maceratese a Taicang, firmato nuovo protocollo di cooperazione

Carancini: “Si allarga il fronte delle sfide che la nostra amicizia intende affrontare nei prossimi anni.”
06 dicembre 2018

Nuove sfide e nuovi progetti alla base del patto di amicizia che unisce dal 2016 Macerata a Taicang, la terza città più ricca della Cina, in attesa di sancire ufficialmente il gemellaggio tra le due realtà.     

  A testimoniarlo il sindaco Romano Carancini che in questi giorni si trova in Cina, insieme all’assessore all’Urbanistica Paola Casoni, al docente dell’Istituto Agrario Giuseppe Potentini e all’architetto Giammario Volatili, per proseguire il lavoro di programmazione in atto.

  “Con la firma del nuovo protocollo di cooperazione avvenuta il 4 dicembre con il sindaco di Taicang, Wang Jianguo – afferma il primo cittadino di Macerata - si allarga il fronte delle sfide che la nostra amicizia intende affrontare nei prossimi anni. Vogliamo che le nostre comunità proseguano il rapporto di collaborazione sui vari temi che caratterizzano la vita delle due città quali lo sport, la scuola, la cultura, le imprese. Ritengo molto rilevante l’impegno del nuovo governo amministrativo di Taicang e del sindaco Wang in quanto questo nuovo atto dimostra la precisa volontà di riconoscere gli importanti risultati fin qui raggiunti grazie alla relazione istituzionale, ma che, soprattutto, vuole rilanciare la collaborazione con nuovi progetti e su temi inediti”.

  Firmato un accordo per l'impianto di un vitignoSul fronte dei risultati “è da considerarsi straordinario quello raggiunto con l’avvio del progetto di produzione di un nuovo vino a Taicang  - prosegue Carancini - grazie all’impegno diretto dell’Istituto Agrario di Macerata che, rappresentato dal professore Giuseppe Potentini, ha firmato l’accordo con le autorità cinesi davanti a circa 300 contadini del villaggio dove cresceranno i vitigni maceratesi, accordo seguito immediatamente dopo dall’avvio della prima fase operativa. L’accoglienza calorosa che abbiamo ricevuto nel corso dell’incontro è stata davvero sorprendente per l’entusiasmo e la riconoscenza dei tanti cittadini presenti. Emozionante è stata anche la visita alla Experimentary School di Taicang unita da un rapporto  di collaborazione con l’Istituto San Giuseppe di Macerata. Grandi feste con docenti e studenti i quali mi hanno consegnato lettere e disegni da recapitare alla scuola maceratese, cosa che farò non appena tornerò a Macerata. Ma l’amicizia deve rafforzarsi quindi abbiamo convenuto con il sindaco di Taicang di aprire nuovi fronti sui quali collaborare nei prossimi mesi”.

  “L’accordo, non oneroso per l’amministrazione scolastica – afferma Giuseppe Potentini -  ha come fine  la realizzazione immediata di un vigneto sperimentale e successivamente la costruzione di una cantina di vinificazione. A questo fine saranno coinvolti i docenti dell’Istituto Agrario ed anche gli studenti, in particolare quelli del sesto anno di specializzazione Enotecnico, con evidenti vantaggi culturali, tecnici e, chissà, anche occupazionali."

  Nel corso della permanenza a Taicang, inoltre, è stato, affrontato per la prima volta il confronto sul tema delle architetture tra i responsabili del Dipartimento delle architetture e costruzioni di Taicang e l’architetto Giammario Volatili in rappresentanza dell’Ordine degli architetti di Macerata oltre che responsabile dell’internazionalizzazione.

Visita alla Experimentary Primary School  “Come delegato e responsabile della commissione esteri dell'Ordine degli Architetti di Macerata – afferma Giammario Volatili -  sono davvero felice di aver preso parte a questa delegazione eterogenea e compatta, con il fine ultimo d'innescare opportunità ed amicizie per tutta la comunità dei tecnici Maceratesi.La missione è stata molto intensa e ricca d'incontri governativi. Spero di aver rappresentato la mia categoria al meglio trovando sempre porte aperte, grazie al sostegno del Sindaco Romano Carancini. Mi auguro che questi rapporti instaurati si sviluppino nel tempo e che si concretizzino le prime idee di progettazione nate in collaborazione con l'Ordine degli Architetti di Taicang".

"La buona pianificazione dello sviluppo delle città passa da molte sfide comuni: la sostenibilità ambientale, la progettazione delle vie di comunicazione, la preservazione dell'identità storica, l'innovazione negli spazi pubblici -  dice l'assessore Paola Casoni - esperienze di amicizia come questa favoriscono lo scambio di idee e buone pratiche tra Macerata e Taicang: ci siamo confrontati su temi come la raccolta differenziata, la cura dell'ambiente, ma anche il miglioramento della qualità della vita e dei servizi agli anziani. Tutte esperienze su cui continuare un dialogo e uno scambio, con una consapevolezza che ci accomuna: una buona pianificazione migliora la vita.”

 Inoltre si è valutata la possibilità di uno scambio tra le associazioni di fotografia di Macerata e Taicang.

  “Non smettiamo di guardare avanti e cercare di costruire nuove collaborazioni con tutte le città gemellate conclude Carancini -  perché crediamo che la conoscenza tra giovani, lo scambio di esperienze culturali, scolastiche e imprenditoriali siano l’energia per sconfiggere le paure e la tendenza a isolarsi. L’amicizia con Taicang speriamo possa essere suggellata a breve anche dall’autorizzazione del governo cinese per auspicare l’appuntamento fondamentale del formale gemellaggio tra la città di Li Madou e la città di Taicang, la prima città cinese gemellata nella storia di Macerata”.