Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2018 Si del Consiglio comunale al bilancio di previsione 2019/2021

Si del Consiglio comunale al bilancio di previsione 2019/2021

Nesun aumento tariffario, attenzione al sociale, alla cultura e alle manutenzioni ordinarie.
21 dicembre 2018

Con 18 favore, quelli della maggioranza, e un’astensione (Andrea Boccia del Movimento 5 stelle), ieri sera il Consiglio comunale ha approvato, oltre alla delibera  sulle aliquote, tariffe e scadenze dei tributi,  il bilancio di previsione 2019/2021 entro il termine di legge  previsto per il 31 dicembre 2018 (nonostante la già prevista proroga al 28 febbraio) garantendo operatività piena ed immediata da inizio anno e possibilità di investimenti, attivazione  di mutui e soprattutto permettendo di usufruire dei benefici  a livello di eliminazione di vincoli di spesa previsti per gli enti che rispettano questo termine.

  Il bilancio è il linea negli stanziamenti complessivi con quello dello scorso anno ma un po' più ricco:  134 milioni di  entrate/uscite complessive  contro i 130 dello scorso anno. 

Aspetti rilevanti che lo caratterizzano sono  - in linea con le politiche di bilancio degli anni precedenti - l'attenzione al sociale e alla cultura e un crescente sforzo per le manutenzioni ordinarie, in particolare nella manutenzione del verde.

  Inoltre non è previsto alcun aumento di aliquote e tariffe, in un contesto normativo che dopo anni di blocco lo avrebbe consentito, e ci sono due novità:  un piano triennale da 75.000 euro annui di interventi per la natalità  nell'ottica del sostegno alle famiglie e un piano sempre triennale di interventi, aggiuntivi agli ordinari, a sostegno delle frazioni per euro 150.000 euro annui.

  Ricco il piano delle piano delle opere pubbliche e degli investimenti, con particolare attenzione alla viabilità e alle manutenzioni stradali,  praticamente raddoppiato rispetto agli anni recedenti  e in larga parte sostenuto grazie all'ottenimento di finanziamenti esterni,  ministeriali, regionali e di fondi europei che hanno un trend di crescita negli ultimi anni molto rilevante.

  Il Consiglio nella stessa seduta ha approvato anche la delibera, emendata, relativa  alla modifica e revisione dello Statuto comunale con  18 voti a favore (maggioranza).