Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2019 Apertura del parco Villa Lauri. Festa insieme

Apertura del parco Villa Lauri. Festa insieme

Martedì 25 giugno alle 17.30 torna alla città una straordinaria oasi verde di 4 ettari e mezzo.
22 giugno 2019

Sarà riaperto, dopo anni di abbandono, il parco di Villa Lauri in viale Indipendenza a Macerata. Martedì 25 giugno, alle ore 17.30,ci sarà una cerimonia e una festa con tutta la cittadinanza, che potrà fruire di questo antico e straordinario polmone di verde all’ingresso della città, nel quartiere Santa Croce.

L’apertura del parco è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra l’Unimc, proprietaria dell’area e che sta ristrutturando la villa all’interno del parco come sede dell’Istituto Confucio, e il Comune che ha realizzato le opere per rendere fruibile un complesso ambientale e storico che risale alla seconda metà dell’800, dimora della famiglia Lauri e successivamente il sanatorio della città.

Grande soddisfazione esprime il sindaco Romano Carancini per questo obiettivo finalmente raggiunto grazie alla collaborazione con l’Unimc e al finanziamento della Regione Marche. “Sono giorni di attesa, quell’attesa felice che combina insieme la preparazione del momento e la voglia di essere all’altezza per una città migliore. E finalmente sta per arrivare il momento in cui la città potrà godere di questa straordinaria oasi verde di quasi 4 ettari e mezzo, vicina al Parco urbano Sasso d’Italia.” afferma il sindaco Carancini. “Questa è una scelta voluta dall’Amministrazione per restituire a Macerata un pezzo di memoria, un luogo prezioso che per molto tempo è rimasto segreto. Il parco sarà, infatti, uno spazio per tutti, un’area di integrazione e di incontro, per bambini, studenti, adulti, turisti. Un perfetto esempio di sinergia tra Istituzioni per la restituzione di un patrimonio e per la valorizzazione delle bellezze della città, nella crescita culturale di tutta la comunità. Oggi più che mai abbiamo bisogno di confronto e di conoscenza reciproca, e una città responsabile deve saper garantire la crescita dei suoi cittadini non rinunciando a spazi verdi di benessere e incontro. Venite in tanti a fare festa, per riscoprire una parte di memoria e per scrivere insieme una nuova pagina di futuro.”

Villa Lauri in una foto d'epoca

Le opere realizzate dal Comune, assessorato all’Ambiente, hanno consentito la sistemazione del vialetto di ingresso al parco e il ripristino della fruibilità e funzionalità di alcune aree verdi mediante potature e messa in sicurezza, d’intesa conla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

Sono stati inoltre sistemati gli arredi, le panchine già presenti e posizionate di nuove, realizzata l’illuminazione e la segnaletica, compresi anche dei totem informativi sulla storia del parco. La struttura sarà anche dotata di due aule verdi a disposizione della cittadinanza e delle scuole in particolare, in cui - con la stessa logica che anima il progetto QUIsSI CRESCE!, sostenuto dall’impresa sociale con I bambini nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile - si svolgeranno attività e laboratori aperti a bambini e famiglie sulla progettazione partecipata e condivisa, sui materiali naturali e l’ambiente, sull'abitare e il ri-abitare gli spazi esterni e naturali.

Il parco è stato inoltre dotato di un secondo ingresso, non esistente, per l’accesso dalla zona di Colleverde dietro alla palestra. Costo complessivo dell’intervento è di 148 mila euro finanziati dalla Regione Marche con i fondi POR FESR 2014/2020, cui si aggiungono 50 mila euro dello stesso finanziamento a disposizione dell’Università per realizzare la recisione trasparente in ferro, in sostituzione del muro attuale, togliendo quindi i confini tra il parco e la via pubblica. Per ora nel parco sarà fruibile un percorso di circa1.500 metri, essendo rimaste naturali e intatte le zone boscate, ma quando sarà completato il restauro della villa si potrà fruire di un percorso più ampio ad anello.

Il parco sarà gestito dal Comune, cui è stato concesso dall’Università in comodato d’uso per 10 anni, che si occuperà della manutenzione, gestione e apertura del parco che al momento sarà dalle ore 8 alle 20.30.(ap)

TAG: