Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni

Home Notizie 2019 Torna il Festival internazionale del Folklore

Torna il Festival internazionale del Folklore

Dalla prossima settimana biglietti in vendita per la serata del 20 agosto allo Sferisterio.
16 luglio 2019

Torna l'appuntamento con il Festival Internazionale del Folklore “Incontro di Cultura Popolare”, giunto quest’anno alla 26^ edizione promosso dall’associazione culturale Li Pistacoppi e inserito nel programma della manifestazioni estive Macerata d’Estate 2019. La città va in scena, organizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Macerata in collaborazione con le associazioni cittadine.

  L’appuntamento è il 20 agosto all’Arena Sferisterio alle 21 con  uno spettacolo pieno di colori e musiche all’insegna dell’interculturalità con gruppi provenienti da Pavel Banya in Bulgaria (Dance Ensemble “Detelini”) da Bila Tserkva in Ucraina (Dance Group “Barvinochok”), da Tarija Ballet in Bolivia (“Libertad”) e da Bigand, Santa Fe in Argentina, (Delegacion Artistica “Lasuma”). Naturalmente si esibirà anche il gruppo folk maceratese I Pistacoppi.

“Il Festival del Folklore da 26 anni è un inno alla convivenza tra i popoli, alla bellezza delle diversità e alla grandezza della musica e delle arti che fanno stare insieme mondi e generazioni. Mi piace sottolineare l’aspetto giovane del festival. E’ bello vedere tanti giovani artisti che si incontrano nel nome delle tradizioni popolari e che nel folklore lasciano scoprire quanto siamo simili nelle diverse latitudini di questo nostro pianeta. Grazie ai Pistacoppi che da 40 anni hanno cura di coltivare la cultura popolare,” sottolinea Stefania Monteverde assessore alla cultura del Comune di Macerata.

Momento atteso è anche la FolkFest il 19 agosto in piazza Cesare Battisti, quando tutti i giovani artisti balleranno insieme ai cittadini e alle cittadine in una festa di piazza piena di allegria che coinvolge con un grande ballo popolare di piazza.

Non solo Macerata: dal 17 al 24 agosto il Festival sarà itinerante nella regione con tappe il 17 agosto a Mogliano, il  21 agosto a Morrovalle, il 22 ad Ancona e  il 23 agosto a Cupramarittima. Il 18 agosto a Macerata alla chiesa dell’Immacolata è prevista una santa messa in costume celebrata dal vescovo Monsignor Nazzareno Marconi.

Il Festival Internazionale del Folklore è diventato un appuntamento tradizionale per Macerata per apprezzare le tradizioni, gli usi ed i costumi delle tante popolazioni, attraverso la loro musica e loro balli tradizionali. Grazie al festival e alla permanenza a Macerata dei gruppi partecipanti, la città vive un’atmosfera internazionale e si assiste a un esempio di integrazione, di dialogo interculturale e di conoscenza reciproca tra tanti giovani che attraverso il linguaggio universale della musica e della danza stringono legami tra loro, coinvolgendo anche la città in un clima di fratellanza, allegria e spensieratezza. Un clima che la musica, la danza e tutto ciò che è arte e folklore sanno regalare.

“Il 2019 rappresenta una tappa fondamentale nell’attività dell’associazione culturale Li Pistacoppi  - afferma il presidente Lamberto Bergamini – perché ricorre il 40° dalla sua costituzione ufficiale avvenuta nel 1979. L’associazione svolge una funzione costante di conservazione e promozione della cultura popolare maceratese attraverso numerose e diversificate attività sul territorio. Partecipa a festival nazionali e internazionali durante i quali promuove scambi culturali, amplia la conoscenza e la convivenza reciproca tra popoli appartenenti a tradizioni molto diverse tra loro. Il 26° Festival Internazionale del Folklore organizzato dalla nostra associazione, in collaborazione con l'Amministrazione comunale di Macerata, nelle piazze storiche del territorio, rappresenta quindi un percorso naturale e consolidato di accoglienza di  tanti giovani che nella loro eterogeneità di religione, folklore ed etnie contribuiscono ad arricchire, per i dieci giorni del festival, il patrimonio culturale della nostra città.”

E proprio per celebrare il 40° anniversario della nascita, l’associazione ha voluto creare un logo dipinto a mano dal laboratorio di artigianato artistico Ardema di Alessia Menichelli. Riporta in alto l’immagine del Festival del Folklore e in basso il numero40 a testimonianza degli anni trascorsi dalla costituzione dell’associazione.

Prima di concludere la conferenza stampa, il presidente Lamberto Bergamini ha anche donato all’assessore alla Cultura Stefania Monteverde, il tipico tamburello dell’associazione Li Pistacoppi.

Per lo spettacolo del 20 agosto all’Arena Sferisterio l’ingresso è con biglietto (5 euro con diritto di assegnazione del posto) da acquistare presso la Biglietteria dei Teatri in piazza Mazzini.

TAG: